Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

In Memoriam 2023 chiede il rispetto delle differenze per commemorare l’Olocausto

L’agenda culturale inizierà a Caracas e si estenderà a dieci Stati venezuelani.

In Memoriam 2023 chiede il rispetto delle differenze per commemorare l’Olocausto

La prima latinoamericana del film Mi hija Anna Frank (Mia figlia Anna Frank) e la mostra itinerante Dejadme ser yo misma (Lasciatemi essere me stessa) sono i piatti forti del programma speciale organizzato dallo Spazio Anna Frank, che dal 2009 promuove ogni anno la conoscenza storica della Shoah e rinnova il suo impegno nella lotta contro l’antisemitismo, il razzismo e qualsiasi forma di intolleranza che possa portare ad atti violenti contro gruppi umani.

In Memoriam 2023 commemorerà alle vittime dell’Olocausto o Shoah con un vasto programma culturale che inizierà a Caracas e si estenderà a dieci Stati del Paese con proiezioni di film, colloqui e una mostra itinerante per riflettere, a partire dalla figura di Anna Frank e della sua famiglia, sulle cause dello sterminio massivo e sistematico avvenuto tra il 1933 e il 1945, ad opera della Germania nazista e dei suoi collaboratori, con l’obiettivo di eliminare il popolo ebraico e altre minoranze.

Il programma di attività preparato dallo Spazio Anna Frank per questa nuova edizione di In Memoriam è rivolto a tutte le famiglie e, in particolare, ai giovani, al fine di perseverare nella promozione del rispetto delle differenze tra gli esseri umani, come valore universale per vivere in comunità. Se il razzismo antisemita nazista è stato uno dei fattori che hanno determinato l’Olocausto, e se oggi nel mondo ci sono persone che discriminano gli altri per la loro cultura, il loro pensiero, la loro origine o il loro aspetto, sottolineare il rispetto delle differenze diventa assolutamente necessario.

In Memoriam è promosso dal Anne Frank Fonds, dalle Ambasciate di Germania, Italia, Spagna, Argentina e Polonia in Venezuela e dal Centro Commerciale El Recreo, in collaborazione con le Missioni diplomatiche di Francia, Svizzera e Regno dei Paesi Bassi presenti a Caracas, insieme al Comitato venezuelano di Yad Vashem. Il suo evento centrale si svolgerà grazie al sostegno del Municipio di Baruta, di Baruta Culturale, della Concha Acústica di Bello Monte, del Circuito Gran Cine, del Circuito Unión Radio, della Cinematográfica Blancica, del Centro Comercial Millennium Mall, dell’Universidad Católica Andrés Bello, tra le altre organizzazioni che sostengono lo Spazio Anna Frank nel suo interesse per la pratica della convivenza tra i diversi gruppi sociali del Paese, promuovendo responsabilità, rispetto, solidarietà e coraggio morale.

Dal 2009, lo Spazio Anna Frank aderisce ogni anno con una programmazione speciale per promuovere la conoscenza storica e l’educazione relativa all’Olocausto, l’impegno a combattere l’antisemitismo, il razzismo e ogni forma di intolleranza che può portare ad atti violenti contro gruppi umani. È un’iniziativa dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), che ha dichiarato il 27 gennaio Giornata Internazionale in Memoria delle vittime dell’Olocausto, giorno in cui si commemora la liberazione nel 1945 del campo di concentramento e sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau.

LA PREMIER

Il programma In Memoriam 2023 sarà inaugurato il sabato 28 gennaio presso la Concha Acústica de Bello Monte, a Caracas, che aprirà le porte dalle ore 17:00 per accogliere il pubblico che assisterà all’evento centrale: la prima latinoamericana del film Mi hija Anna Frank (Mia figlia Anna Frank), del regista tedesco Raymond Ley. A questa iniziativa parteciperanno l’Ambasciata di Germania in Venezuela e l’Ambasciatore francese in Venezuela, Romain Nadal, come oratori; Darwin González, sindaco di Baruta; Néstor Luis Garrido, membro del Consiglio di Amministrazione dello Spazio Anna Frank e la Comunicatrice Andrea Matthies, nel ruolo di maestra di cerimonie.

Come preludio alla proiezione del film, all’ingresso della Concha Acustica il pubblico potrà ammirare la mostra itinerante Dejadme ser yo misma (Lasciatemi essere me stessa), il nuovo progetto espositivo della Casa di Anna Frank di Amsterdam dedicato alla vita della giovane tedesca, all’Olocausto e alle sfide di esplorare temi come l’identità, il pregiudizio e la discriminazione. Verrà inoltre presentata una selezione di 30 minuti di episodi del podcast Gocce per la Coesistenza, condotto dal professore Luis Jiménez.

La proiezione del film è possibile grazie all’importante alleanza tra il Municipio di Baruta, Baruta Culturale, la Concha Acústica de Bello Monte e il Circuito Gran Cine.

UNA STORIA PER LA FAMIGLIA

La produzione audiovisiva che si progetterà “Mi hija Anna Frank” (Mia figlia Anna Frank) viaggia indietro nel tempo fino alla città di Amsterdam nel 1945. Due mesi dopo essere stato liberato da Auschwitz, Otto Frank ha la conferma che le sue due figlie non sono sopravvissute all’Olocausto, torna nell’alloggio segreto in cui lui e la sua famiglia si sono rifugiati dalle persecuzioni naziste fino all’arresto e recupera le pagine sparse del diario di Anna, che in seguito leggerà, organizzerà e trascriverà per scoprire un’altra versione della figlia minore, nonché le paure, i sogni, gli amori e i desideri di una giovane donna le cui memorie sono diventate un documento storico e una letteratura universale.

Interpretato dall’attrice tedesca Mala Emde, il docudrama, della durata di un’ora e mezza, è una proposta commovente rivolta a tutti i pubblici, in particolare alle famiglie con figli adolescenti (maggiori di 12 anni), che potranno riflettere non solo sugli eventi storici, sulle complessità dell’assedio bellico, sulla vita in clandestinità e sul tradimento degli otto abitanti nascosti nell’alloggio segreto, ma anche sulle tensioni del rapporto di una figlia adolescente con la madre e il padre.

La ricostruzione di frammenti del diario e della vita di Anna, così come dei ricordi del padre, si mescolano artisticamente a filmati storici e inediti, che si interrompono solo in momenti precisi per includere le brevi e rivelatrici testimonianze di testimoni contemporanei che hanno conosciuto la giovane donna e la sua famiglia.

Sebbene il film sia uscito nel 2015, sarà proiettato per la prima volta in Venezuela grazie al sostegno di Anne Frank Fonds in Svizzera. Si tratta di un’occasione unica per avvicinarsi alla tragedia di oltre sei milioni di ebrei sterminati dai nazisti attraverso la settima arte.

DEJADME SER YO MISMA (LASCIATEMI ESSERE ME STESSA)

Anna Frank è stata una delle tante vittime del nazionalsocialismo tedesco e dei suoi collaboratori durante la Seconda Guerra Mondiale, semplicemente perché era ebrea. Sebbene la differenza tra allora e oggi sia abissale, in diverse parti del mondo le persone sono ancora discriminate. Altri esseri umani sono ancora esclusi a causa della loro identità o del loro aspetto. La discriminazione è ancora un problema della società, un fatto quotidiano in tutto il mondo. Questo fa parte della riflessione della mostra itinerante Dejadme ser yo misma (Lasciatemi essere me stessa), che farà da preludio alla proiezione del film presso la Concha Acústica de Bello Monte.

La mostra prende il nome da una frase scritta da Anna nel suo diario l’11 aprile 1944: “Lasciatemi essere me stessa e poi sarò soddisfatta”. Con queste parole la giovane donna chiedeva il rispetto delle differenze e si chiedeva: perché le persone discriminano gli altri? Perché non possiamo essere noi stessi senza essere sconsiderati o ingiusti con gli altri? Non siamo nati tutti uguali?

La mostra raccoglie 20 pannelli con foto e testi esplicativi provenienti dalla Casa di Anna Frank di Amsterdam e sarà guidata dagli Ambasciatori della Coesistenza, giovani volontari che accompagneranno le visite per riflettere sulla mostra.

PER IL VENEZUELA

Con il film Mi hija Anna Frank (Mia figlia Anna Frank) e la mostra Dejadme ser yo misma (Lasciatemi essere me stessa), il programma di In Memoriam 2023 raggiungerà dieci Stati del Venezuela. Il documentario sarà presentato in un’unica proiezione il sabato 4 febbraio alle 11:00 sulla rete di schermi Cinex nelle città di Barinas, Barquisimeto, Cumaná, Guarenas, Margarita, Mérida, Puerto La Cruz e Punto Fijo. Chi è interessato a partecipare è pregato di arrivare con 15 minuti di anticipo per assicurarsi i biglietti.

Durante il mese di febbraio, Lo Spazio Anna Frank condurrà anche un tour culturale nelle città di Maracaibo, Mérida e Valencia, dove svilupperà un’agenda di attività con i partner locali che comprenderà proiezioni di film, visite guidate alla mostra itinerante e discussioni sul rispetto delle differenze e altri temi legati alla commemorazione delle vittime dell’Olocausto.

Tutte le attività di In Memoriam 2023 sono gratuite e i dettagli sono disponibili sul sito web www.espacioannafrank.org e sui social media: Facebook: EspacioAnnaFrank, Twitter: @EspacioAF e Instagram: @espacioannafrank.

Per scaricare tutti i video, fare clic sul link DRIVE:

https://drive.google.com/drive/folders/1YNIx-w27W2LfFQWy-2S4ypcfwQsYDsnE?usp=share_link

 

inmemoriam2023